Note Storiche

Il borgo di Solomeo fu edificato tra la fine del XII Secolo e la prima metà del XIII. L’insediamento di “Villa Solomei” svolse funzione di base operativa per gli uomini che lavoravano alla bonifica della piana a nord dello stesso. È posto in prossimità della strada che nel medioevo, come probabilmente già in età romana, univa Perugia a Castiglion del Lago e a Chiusi.

Borgo di Solomeo

Il nucleo abitato di “Villa Solomei” nel 1361 era costituito da un palazzo, un “casamentum”, dodici “domus”, due casalini e la Chiesa di San Bartolomeo. Nella primavera del 1391 gli abitanti di Solomeo decidono di fortificare il proprio insediamento a motivo di difesa; molto probabilmente la costruzione del castello era stata promossa da Meo “Iohannis Cole” proprietario del palazzo maggiore: infatti nel verbale del consiglio cittadino Meo viene definito quale “committente”. Il fortilizio fu costruito a ridosso del palazzo di proprietà di costui, “Iuxta Pallatium Dicti Mei”.

Sul finire del XIV Secolo il Castello di Solomeo doveva essere completato, ma si continuò ancora per qualche tempo ad indicare Solomeo con il termine di “Villa”. In un atto del 1430 per la prima volta si parla di un “Castrum Solomei”. Nel corso del XVI Secolo, probabilmente sulla spinta di una certa ripresa dello sviluppo demografico, il nucleo abitato di Solomeo si espanse oltre le mura castrensi. In quel tempo le abitazioni non occupavano l’intera area avanti a questo tratto delle mura. Solo più tardi, dopo il 1729, se ne aggiunsero altre, che formano oggi un caseggiato sviluppato lungo l’intero percorso sud-est delle mura stesse.

Borgo di Solomeo
Borgo di Solomeo

Il borgo ha acquisito nuova vita a seguito di una intensa opera di riqualificazione voluta dalla famiglia Cucinelli. I lavori, realizzati a partire dal 1985, sono stati incentrati sul pieno recupero delle bellezze paesaggistiche e storico-architettoniche ed hanno riconsegnato il borgo al suo antico splendore.

Borgo di Solomeo

Scoprire Solomeo